Rendi inevitabile il tuo benessere – Il metodo Elevation

Pagina Facebook Gruppo Facebook

Nelle ultime decine di migliaia di anni l’essere umano si è evoluto grazie, soprattutto, a una componente fondamentale: la sua capacità di creare legami e rapporti sociali profondi.

A differenza degli altri animali l’essere umano è in grado di vivere la socialità a un livello altissimo e funzionale, tanto da rendere la propria sopravvivenza sempre più certa e strutturata, tanto da passare da poche decine di migliaia di individui a quasi otto miliardi.

Tutta la storia umana è scandita da questioni e cambiamenti sociali di enorme rilevanza come la nascita di città stato, regni e imperi e il motore di tutto è (e sempre sarà) la capacità dell’essere umano di formare legami e condividere emozioni.

Dipinto rupestre nella Cueva de las Manos, in Argentina, dove il popolo indigeno del luogo, tra i 9.300 e i 13.000 anni fa, usava dipingere le mani delle persone probabilmente durante un importante rito di passaggio.

 

Qualsiasi personaggio storico di cui studiamo la vita e le opere è accomunato agli altri da una caratteristica principale: la capacità di sviluppare la propria socialità oltre la media creando rapporti “affluenti”.

Cosa significa”affluente”?

L’affluenza (che non è una malattia) è la capacità di creare situazioni sociali in cui tutte le persone che partecipano sono felici della loro permanenza e dei risultati che ottengono.

Ti chiedo qui di prestare la massima attenzione perché le parole sono molto importanti e la definizione di affluenza utilizza la parola “felici”, non “contenti”, e questa differenza che può sembrare di poco conto è, invece, enorme (puoi leggere perché cliccando qui).
Per vivere una condizione di affluenza è fondamentale non accontentarsi ma dare il massimo per il benessere di tutte le persone che fanno parte del proprio gruppo.
Vivere una condizione di affluenza significa agire attivamente per incrementare ogni giorno il benessere condiviso con le persone che fanno lo stesso per noi.

 

Il dipinto di Raffaello “La scuola di Atene”, in cui sono raffigurati i più grandi filosofi dell’antichità, primi creatori del concetto di “affluenza” in quanto capaci di comprendere che solo grazie alla collaborazione tesa al benessere condiviso è possibile ottenere il meglio per sé stessi. Così è nata la democrazia.

 

Per vivere in una condizione di affluenza stabile è necessario, prima di tutto, volerlo fortemente e sviluppare un animo sincero che si curi sempre del benessere condiviso e questa è una questione profonda che riguarda l’essere di ognuno di noi.
Non si può insegnare né, tantomeno, imparare ma solo coltivare giorno per giorno.
Significa decidere di non sfruttare la fretta e le speranze altrui per il proprio tornaconto personale ma, al contrario, diventare il vento che alimenta le braci della passione altrui per farle divampare in un fuoco luminoso e potente.

Far parte di un mondo di persone affluenti che si impegnano quotidianamente per aiutarsi a crescere è molto più di quelli che tanti chiamano “gruppo di pari” infatti l’affluenza non ha nulla a che fare con la parità ma punta, invece, alla creazione continua di possibilità e opportunità che migliorino la vita a tutti gli affluenti.

Questo è il momento della tua prima scelta: se hai letto fino qui significa che hai già fatto più di tante altre persone che si fermano ai titoli o scorrono velocemente la pagina per cercare un prezzo.
La tua curiosità non si è spenta quindi si può già dire che fai parte di quella schiera di persone che non hanno lasciato che la routine spegnesse i loro sentimenti più profondi.
Vuoi proseguire questo viaggio?

Credit: The perfect bonfire – Georgiana Avram

 

A questo punto voglio iniziare a parlarti di Elevation, il mio progetto di formazione e sviluppo sociale.
Elevation non mira a essere semplicemente un corso o un evento di formazione ma, piuttosto, un profondo ambiente di crescita pensato per fare in modo che ogni partecipante abbia attorno a sé una rete di affluenza reale e sicura.

Il lavoro che si fa in Elevation si basa su concetti e strumenti del tutto originali (e regolarmente depositati) creati da me in anni di studio, testati poi con centinaia di persone prima di dare definitivamente vita a questo progetto.

Il primo e fondamentale strumento di lavoro da cui tutto parte è una mappa sociale che ho chiamato “cerchi sociali” e che permette di realizzare una precisa mappa di tutti i rapporti interpersonali che una persona vive in un dato momento.
Realizzare la propria mappa sociale permette poi di sviluppare il lavoro in profondità ed elevazione per perseguire i propri obiettivi attraverso la creazione del proprio ambiente di affluenza.
Il lavoro in profondità è il lavoro su sé stessi, quello in elevazione è sulla socialità.

Probabilmente è la prima volta che senti parlare così tanto di socialità e, soprattutto di affluenza e di elevazione.
Questo è assolutamente normale per due motivi:

La stragrande maggioranza dei formatori e dei coach non conosce questi termini e, dunque, la formazione ad essi associata perché nessuno glieli ha mai insegnati.
Non sono argomenti che si trovano nei libri dei “guru” americani da cui quasi tutti traggono ispirazione (o copiano) né, tantomeno, si trovano  corsi avanzati su questo tema.
Le stesse scuole e università non hanno mai puntato molto su questo tema perché lo danno, motlo erroneamente, per scontato.

 

– Lavorare sulla socialità è un concetto molto ampio e complesso che non si presta bene alla vendita perché non dipende solamente dal lavoro su sé stessi quindi molti “formatori” preferiscono vendere corsi e formazone basati solo su ciò che è già pienamente alla portata di chi acquista.
È più facile e permette un guadagno più immediato.
Ma tu sei qui per fare dei grandi passi avanti, non per cercare un’illusione ad alto costo, no?


Ritengo veramente importante che tu capisca un concetto: la vera crescita personale ha molto poco a che fare con i corsi motivazionali, i balletti, l’esaltazione del momento presente a scapito dei risultati e le “botte” di ego perché, in realtà, si tratta di un percorso arduo e in salita ma da cui il panorama migliora sempre di più nonostante la fatica che va fatta.
E questa salita come inizia?

 

Scavare_crescita_personale

Il pozzo: simbolo di vita e opportunità da oltre 10.000 anni e costruito scavando (il primo passo della magnum opus)

Scavando.
Quando si parla di vera crescita personale il primo periodo deve SEMPRE essere quello dello “scavo” cioè un vero lavoro, spesso molto faticoso, in cui si ragiona profondamente su sé stessi.
Questo è fondamentale per due motivi: permette di raggiungere le fonti (quasi sempre inconscie) di ciò che ci frena e fa spazio per nuove e molto più solide “fondamenta” su cui costruire il nostro essere in modo molto più solido ed efficace di prima.
In sintesi: scavare in noi stessi ci permette di trasformare i problemi in opportunità (come fa un pozzo, che ci da acqua dolce).

Non ti sto parlando di esercizi “da palco” o PNL (programmazione neurolinguistica) qui ma di fatica mentale reale: una fase di scavo ben fatta è ciò che distingue chi ottiene grandi risultati personali da chi non li ha.
Significa mettere in discussione il tuo essere, la tua visione del mondo e della vita oltre che le tue esperienze e tutto ciò che hanno prodotto.

Se non ti dicessi questo ti starei mentendo perché, purtroppo (o per fortuna) non si cresce bene senza fondamenta solide, un progetto di sé ben fatto e gli strumenti necessari (fisici, sociali, mentali e morali).
Anticamente, in epoca romana, questo profondo lavoro di crescita è stato chiamato “magnum opus” (grande opera) proprio per la difficoltà insita nei vari passaggi di cui il primo è lo “scavo” che porta a “morte” ciò che va abbandonato e  e crea spazio per ciò che è necessario e migliore.

E dopo aver scavato, facendo tutta la necessaria fatica?

 

Alba_crescita_personale

L’alba luminosa: il secondo passo della magnum opus


È il momento di sorgere luminosi come il sole che nasce all’alba oltre l’orizzonte ma bisogna fare attenzione: la costruzione è solo all’inizio, anche se finalmente si basa su solide fondamenta e un progetto adeguato.
Questa è la fase dell’azione, quella in cui avvengono i cambiamenti del paradigma di pensiero quindi le nuove fatiche non saranno più indirizzate a reagire agli eventi ma serviranno per iniziare a governarli (per quanto possibile) e progettare un futuro realizzabile.

Nel campo della crescita personale questo significa abbandonare la quasi totalità dei concetti “adatti a tutti”, quelli di cui senti sempre parlare (come la comfort zone, le credenze limitanti, la programmazione neurolinguistica, l’automotivazione, ecc…) per iniziare a creare i tuoi concetti, quelli adatti solo a te.

Ma cos’è effettivamente la costruzione di cui ti sto parlando?
Sei tu, il tuo vero essere.
Dopo aver faticosamente scavato per creare le condizioni giuste per costruire è ora di dare forma al tuo progetto, che è solo tuo.

Questo è il momento di esprimere ciò che vuoi ottenere, qualunque cosa sia, e progettare tutto il necessario per arrivarci, di imparare come utilizzare gli strumenti che hai a disposizione nel modo più corretto per raggiungere il tuo obiettivo e raccogliere tutto ciò che è necessario per la costruzione.
Qui ti sto parlando anche del tuo ambiente sociale: questa è la fase in cui allontanarti dalle persone per te dannose (o per cui tu sei più un danno che un bene) e aumentare le tue possibilità sociali a dismisura.

E poi?

 

Serenità

La serenità splendente come il sole allo zenit: il terzo passo della magnum opus

Poi costruire con serenità.
Se hai scavato a fondo e realizzato al meglio il tuo progetto, poi costruito fondamenta solide dovrai solo costruire seguendo il progetto e facendo fronte a quei problemi per cui hai già preparato diverse soluzioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

—PAGINA IN AGGIORNAMENTO—